NEWS CESARINE

Biblioteca Alberti: un anno di noi

a cura di Paolo Galignano

Inizio questo articolo con una data: 24 aprile 2019.

Una data storica per Porto Cesareo.

Quel giorno vide la luce un nuovo spazio culturale per il paese: la “Biblioteca Alberti”. Una data memorabile per questo nostro piccolo paese.

Paese dedito alla pesca e al turismo estivo, ma una data davvero importante soprattutto per quel gruppo di volontari che hanno realizzato il loro sogno.

Il sogno altro non era che la nascita di una biblioteca.

Una biblioteca laica e apolitica, che rappresenta un ulteriore sito di aggregazione e scambio culturale per la comunità di Porto Cesareo.

Questo “manipolo di eroi”, del quale ne faccio orgogliosamente parte, è composto da volontari che, come novelli Peter Pan, hanno fatto diventare la loro “Isola che non c’è” una splendida e concreta realtà.

Il 24 aprile 2020 la Biblioteca Alberti compirà un anno di vita; un compleanno che, probabilmente, non verrà festeggiato in modo ufficiale e aperto, ma che riempie di gioia e orgoglio i cuori di coloro che, con il loro tempo e le loro energie, hanno portato la Biblioteca Alberti al suo primo “giro intorno al Sole”.

L’entusiasmo fin qui evidente non deve, far pensare che sia stata una dolce avventura senza problemi. Infatti i mesi precedenti all’inaugurazione e i suoi primi dodici mesi sono paragonabili piuttosto a una corsa a ostacoli. Le difficoltà logistiche e di uomini e mezzi non sono mancate.

Soltanto l’impegno profuso dai suoi volontari hanno reso possibile questa titanica impresa.

In conclusione, non farò il lungo elenco dei volontari, presenti e passati, ma, a nome di tutta la Biblioteca, cito e ringrazio di cuore colui che è l’anima e la mente della biblioteca, colui che ha dato il “la” alla nascita di questo progetto, posando il primo “mattone”; a lui è intitolata e dedicata la Biblioteca Alberti: il grande e inimitabile Antonio Alberti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *